Girls' World - The Dolls'House -
Il Mondo delle Ragazze – La Casa delle Bambole
the dolls'house
La tratta di esseri umani a sfondo sessuale esiste a livello mondiale all'interno di confini nazionali o internazionali ed è definita come una forma di tratta di esseri umani ai fini del lavoro forzato sessuale. Comprende la prostituzione, il turismo sessuale minorile, il traffico sesssuale nazionale di minori, lo sfruttamento sessuale di minori, la schiavitù sessuale, il lavoro sessuale e la pornografia. È un business costituito dalle persone trafficate (le vittime), i consumatori (gli acquirenti) e le persone che procurano le vittime e le forniscono ai consumatori (i trafficanti). I trafficanti di sesso usano violenza, minacce, bugie, ricatti, schiavitù per debiti, abuso di potere e altre forme di coercizione per costringere adulti e bambini a compiere atti sessuali commerciali contro la loro volontà.
La tratta di esseri umani a sfondo sessuale è illegale in quasi tutti i paesi del mondo.
Sebbene le istituzioni nazionali e internazionali provino a regolamentare e applicare la legislazione contro il traffico di esseri umani, i governi locali corrotti e le forze di polizia, possono essere coinvolti in giri di traffico sessuale e facilitare i processi connessi a questa attività illecita.

Secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro, le vittime dello sfruttamento sessuale forzato in tutto il mondo, sono circa 4,8 milioni. Sebbene una piccola percentuale di uomini e ragazzi venga trafficata, nell'industria del sesso il 99% delle vittime sono donne e ragazze [1]. Di queste, circa 2 milioni sono bambine [2].
Le donne e le ragazze vengono trafficate da qualsiasi paese verso altri paesi: le vittime esistono ovunque. La povertà estrema è un legame comune tra le vittime della tratta; dove non esistono alternative economiche, le donne e le ragazze sono più esposte allo sfruttamento sessuale.

Sebbene la prostituzione minorile sia illegale nella maggior parte del mondo, in alcuni dei paesi più poveri è permessa, con il conseguente aumento della tratta di bambinii a sfondo sessuale.

Negli Stati Uniti, il 'Centro nazionale per i bambini scomparsi e sfruttati' (NCMEC) riceve annualmente circa 10.000 segnalazioni di traffico sessuale di bambini. La maggior parte di questi bambini viene trafficata in rete [3][4].

Persino le società più conservatrici sono state in grado di organizzare vari modi per sfruttare sessualmente i bambini, persino rendendo la pratica socialmente accettabile.
In alcune comunità islamiche le famiglie povere vendono ragazze minorenni per “matrimoni temporanei” chiamati Nikah Al-Mutah (letteralmente “matrimonio di piacere”) [5]. Attraverso questa pratica le ragazze sono costrette a sposare un uomo e ad assolvere i doveri sessuali di una "moglie". Questi matrimoni sono contratti verbali o scritti, che non hanno una durata minima o massima proibita e possono durare da pochi minuti a 99 anni. Alla fine del contratto, il matrimonio finisce e la moglie deve attenersi ad un periodo di astinenza prima di potersi sposare nuovamente: questa pratica è mirata a dare la certezza dell'identità paterna ai bambini, nel caso in cui la moglie rimanga incinta durante questo "matrimonio di piacere" temporaneo. Dopo tale periodo, la ragazza è pronta per essere nuovamente venduta attraverso questa forma legalizzata di prostituzione.

Ogni anno in India, migliaia di bambine fra i quattro e i cinque anni, vengono votate a ad una vita di "prostituzione religiosa" diventando Devadasis. Una Devadasi, che si traduce come "Servo di Dio", è una ragazza 'offerta', dai suoi stessi genitori, attraverso una cerimonia alla dea Yellamma. Dopo la cerimonia la ragazza ritorna a una vita normale fino al raggiungimento della pubertà (fra i 10 e I 13 anni). A quel punto la verginità della ragazza verrà venduta (generalmente da sua madre o sua nonna) a qualcuno che abuserà della ragazza per la prima volta.
Questo è un sistema che trasforma bambine in prostitute e genitori in papponi, che condannano le ragazze a una vita di prostituzione.
Generalmente le figlie nate da un Devadasi sono destinate a diventare prostitute.
Raggiunti i 35 anni una Devadasi viene considerata 'vecchia' e non c'è più alcuna richiesta per i suoi servizi: generalmente l'unica cosa che può fare per sopravvivere è chiedere l'elemosina [6].

In paesi come la Cambogia e le Filippine, tra le famiglie povere è pratica comune vendere la verginità delle ragazze a partire dai 6 anni - completa con un certificato medico di verginità 7][8].



[1] Global estimates of modern slavery: forced labour and forced marriage. International Labour Organization and Walk Free Foundation, 2017 http://www.ilo.org/global/topics/forced-labour/lang--en/index.htm

[2] Factsheet on commercial Explotation and trafficking of children https://www.unicef.org/indonesia/Factsheet_CSEC_trafficking_Indonesia.pdf

[3] Missing Children, State Care, and Child Sex Trafficking.National Council of Juvenile and Family Court Judges and National Center for Missing & Exploited Children 2015. https://www.ncjfcj.org/DCST-TAB

[4]I am Jane Doe (2017). Documentary about the battle that several American mothers are waging on behalf of their middle-school daughters, victims of online sex trafficking. https://www.iamjanedoefilm.com/

[5] https://en.wikipedia.org/wiki/Nikah_mut%27ah

[6] Prostitutes of God by Sarah Harris (Documentary 2010). https://en.wikipedia.org/wiki/Nikah_mut%27ah

[7] https://www.theguardian.com/society/2014/jul/06/virginity-for-sale-cambodia-sex-trade

[8] http://edition.cnn.com/interactive/2013/12/world/cambodia-child-sex-trade/